Valle d'Incaroio

Nelle parole dell’architetto pordenonese Giovanni Battista Bassi, riportate nella homepage del sito, si trova l’essenza di Paularo e della sua valle. Una natura bella ma anche aspra, florida ma allo stesso tempo difficile. Sicuramente, dotata di un fascino irripetibile. Una realtà a lungo piuttosto isolata dalle vallate circostanti, dove la popolazione ha sempre trovato le fonti di sostentamento nelle risorse del territorio e ha ad esse legato le proprie attività lavorative, dedicandosi in gran parte all’agricoltura, alla pastorizia ed ai boschi, ma non trascurando il commercio. Una vallata dove le donne hanno avuto da sempre un ruolo da protagonista, come in tutta la Carnia, contribuendo in modo sostanziale ai lavori agricoli, oltre ad occuparsi di tutta la gestione della casa. La valle d’Incaroio ha saputo preservare meglio di altre la sua identità e proprio per questo la cultura, le tradizioni e i mestieri, tramandati di generazione in generazione, si sono conservati fino ai nostri giorni.